Biografia

Riccardo Fogli nasce a Pontedera (PI) il 21 ottobre 1947.
Dopo una breve permanenza nella band amatoriale Jet, giovanissimo, esordisce nell’estate del 1963 come frontman e bassista di un complesso rock con base a Piombino The Slenders (Gli Smilzi), inizialmente sotto lo pseudonimo di Tony Rio. Nel 1965  il gruppo si piazza secondo al Festival degli Sconosciuti di Ariccia e si assicura un ingaggio al Piper-Club di Milano dove avviene l’incontro tra Riccardo e la prima formazione dei Pooh (allora capitanata da Valerio Negrini e Mauro Bertoli).

La cronaca racconta che, impressionati dallo stile canoro del giovane Fogli e dalla sua tecnica al basso, dopo un concerto i musicisti del complesso dei Pooh propongono a Riccardo di entrare nella formazione in sostituzione del membro uscente, Gilberto Faggioli, mentre, di contro, i componenti degli Slenders, senza un contratto discografico e appesantiti da un clima di incertezza, meditano lo scioglimento. Data la fortunata congiunzione dei fattori, dopo una breve trattativa i Pooh accolgono Fogli, le cambiali del furgone degli Slenders, nonché la cover di I looked in the mirror – Nel buio che sarà inclusa nel primo album di Riccardo con il gruppo Per Quelli Come Noi (1966).

Escono alcuni singoli di successo, Piccola Katy e In silenzio, entrambi affidati all’interpretazione di Riccardo, seguiti nel 1968 dall’album Contrasto. Nel 1970 i Pooh pubblicano Memorie, affidato quasi interamente all’interpretazione vocale di Riccardo.

Nel giugno del 1970, Riccardo esordisce come solista con il 45 giri Zan Zan/I 10 comandamenti dell’amore, inciso con lo pseudonimo Renzo, insieme con Virginia (Viola Valentino).

Il 1971 vede il nascere della collaborazione tra i Pooh e il giovane produttore Giancarlo Lucariello, e Tanta voglia di lei  lancia i Pooh nell’Olimpo della canzone italiana,  dello stesso anno è  Pensiero.  Entrambi i brani sono contenuti all’interno di Opera prima.  L’album successivo, Alessandra (1972) è un grande successo dal quale è estratto il singolo Noi due nel mondo e nell’anima.
I rapporti di Riccardo con il gruppo iniziano ad incrinarsi e nel 1973, durante la lavorazione di Parsifal, Riccardo esce dal gruppo e inizia finalmente la sua carriera solista.

Nel 1973 Riccardo pubblica il suo primo album solista, Ciao Amore Come Stai, prodotto da Sergio Bardotti, per RCA. L’album vede anche il suo debutto come autore di testi e segna l’inizio della collaborazione con Carla Vistarini e Luigi Lopez. Dall’album sono estratti due singoli Due Regali e Strana donna.

Nel 1974 partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo col brano Complici. Successivamente quell’anno pubblica il singolo Amico Sei Un Gigante, brano dal sapore decisamente progressive. L’anno successivo partecipa a Un Disco Per l’Estate con il singolo Guardami scritto da lui insieme a Vittorio De Scalzi.

Nel 1976 pubblica il suo secondo album Riccardo Fogli nel quale è contenuto il 45 giri Mondo, che entra in top ten della Hit Parade e con cui partecipa al Festivalbar e vince il Premio Disco Verde. L’album, arrangiato da Danilo Vaona, vede l’inizio di una nuova collaborazione con Giancarlo Lucariello, e contiene, tra le altre, una particolare versione rivisitata de In silenzio.

Nel 1977 esce il singolo Stella un’altra hit firmata da Carla Vistarini e Luigi Lopez che anticipa la pubblicazione de Il sole, l’aria, la luce, il cielo. Nel disco sono incluse canzoni come Anna ti ricordiIl giorno comincia quiRicordatiPaola. Riccardo scrive i testi di due canzoni: Vendo sogni e Dolce straniera.

Nel 1978 esce la raccolta Io ti porto via, che include quattro canzoni inedite tra le quali la title-track. Sempre nello stesso anno, il team Fogli – Aitiani – Lucariello lavora allo sviluppo del “concept album” Matteo, un’opera di netta impronta progressive di cui Riccardo è autore di tutti i testi su musiche di Marcello Aitiani. Matteo racconta la vita di un uomo partendo dalla vecchiaia e tornano indietro nei ricordi fino alla nascita. L’album, bloccato dalla casa discografica perché ritenuto troppo “diverso” all’epoca, verrà pubblicato soltanto nel 1999 in tiratura limitata.

Che ne sai esce nel 1979 e rimane per moltissimo tempo nelle prime posizioni in classifica, accompagnando il successo dell’omonimo LP nel quale si trovano anche due brani firmati dall’ex compagno di gruppo Roby Facchinetti. E soprattutto segna l’inizio della proficua collaborazione con il compositore e arrangiatore Maurizio Fabrizio, con il quale Riccardo firmerà molti dei successi più importanti della sua carriera insieme Guido Morra.
A partire da questo album avviene una svolta decisiva nell’immagine di Riccardo, che interprete raffinato ed elegante della canzone italiana si presenta anche particolarmente curato nell’abbigliamento, come un giovane dandy in smoking, proprio come nella copertina del disco. Altri singoli dell’album sono PaceNon mi lasciare e Che amore vuoi che sia.

Nel 1980 un altro grande successo Scene da un amore, primo singolo tratto dall’LP Alla fine di un lavoro, che vede il consolidamento della fortunata collaborazione con Morra e Fabrizio. 

Nel 1981 esce Campione, album che consacra Riccardo Fogli come interprete della canzone italiana. Ad aprire l’album è Malinconia, canzone che vince La Vela d’Oro, il Telegatto e il Disco di Platino.

Nel 1982 sull’onda del grande successo di Malinconia Riccardo partecipa a Sanremo e vince con Storie di tutti i giorni. La vittoria sanremese è abilmente costruita dal produttore Lucariello, che curò i dettagli della canzone, dal suono di chitarra elettrica contrapposto a un giro di pianoforte classico, dall’abbigliamento elegante di Riccardo durante la serata finale, all’accompagnamento di un chitarrista di matrice rock di grande effetto come Roberto Puleo.  Il brano raggiunge la vetta della Hit Parade, riconoscendo agli autori Fogli e Morra il Premio Bettino Ricasoli per la qualità letteraria del testo, il Telegatto, il Premio Radio Corriere TV e il Disco d’Oro. Il successo sanremese porta Riccardo ad esibirsi l’anno successivo all’Eurovision Song Contest, manifestazione canora europea che vede la partecipazione, come rappresentante dell’Italia dell’artista vincitore a Sanremo.

Nel 1982 escono due LP.  In febbraio Collezione che comprende la canzone vincitrice di Sanremo e una selezione della produzione discografica di Riccardo tra il ’79 e il 1981, e in settembre Compagnia. L’album contiene in totale dieci brani, cinque nuovi e cinque già editi da altri cantanti, reinterpretati da Riccardo. I brani già editi sono stati scritti da autori che conoscono Fogli molto bene: Luigi Lopez e Carla Vistarini per La voglia di sognare (originale di Ornella Vanoni del 1974), Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio per Per amarti (originale di Mia Martini del 1977), Roby Facchinetti e Valerio Negrini per Nascerò con te (originale dei Pooh, con lui come voce solista, del 1972) Dario Baldan Bembo per Tu cosa fai stasera e ancora Lopez e Vistarini per Io Voglio Vivere (originale di Alice del 1975). Le canzoni inedite sono la stessa Compagnia, di Guido Morra e Maurizio Fabrizio, poi Come cambia in fretta il cielo, scritta da Maurizio Piccoli e Maurizio Fabrizio e Altri TempiUn Angelo e Donne. Un disco maturo arrangiato, prodotto e scritto con gli amici e collaboratori di sempre. Con una copertina particolare che vede l’artista prima da solo (nella front cover) e poi in “compagnia” (sul retro) del gruppo di autori – amici Baldan Bembo, Maurizio Fabrizio, Roby Facchinetti e Renato Brioschi.

Nel 1983 Riccardo Fogli partecipa con Per Lucia (scritta con Maurizio Fabrizio e Vincenzo Spampinato) all’Eurovision Song Contest a Berlino.

Nel 1984 esce l’album Torna a sorridere (di cui fa parte l’omonima canzone presentata al Festivalbar), mentre dell’85 è l’album 1985, all’interno del quale è inclusa la canzone sanremese Sulla buona strada. Il brano ottiene un ottimo riscontro piazzandosi al quarto posto nella classifica del festival. In estate presenta al Festivalbar Dio come vorrei, non inclusa nella prima versione dell’album, ma in una successiva ristampa.

Nel settembre 1987 esce il disco Le infinite vie del cuore, e Riccardo si riunisce ai vecchi amici dei Pooh nel brano Giorni cantati. Nell’album sono inclusi anche La Felicità Possibile e la gemma che dà il titolo al disco stesso Le infinite vie del cuore.

Il 1988 è l’anno di pubblicazione di Amore di guerra.  Una Donna Così, Amori nascosti e il brano omonimo della title track sono i singoli estratti.

La raccolta Non finisce così del 1989,  include il brano omonimo presentato quell’anno a Sanremo e altri nove brani tra i più significativi della produzione discografica degli anni 85-89.

(E’ Troppo Importante un Gesto e la Presenza e la Forza di) Sentirsi uniti esce nel 1990. Pubblicato subito dopo il Festival di Sanremo durante quale viene presentata in gara Ma quale amore con cui Riccardo si piazza al quarto posto.

Nel 1991 altro Festival di Sanremo con un brano molto particolare e suggestivo Io ti prego di ascoltare, incluso insieme a Dimmi chi sei e A metà del viaggio in un album-greatest hits intitolato come quest’ultimo.
A metà del viaggio segna la fine della collaborazione con lo storico produttore Giancarlo Lucariello. E’ dello stesso anno Amici, brano scritto da Roby Facchinetti e Valerio Negrini, interpretato a due voci con Marcella Bella.

Il 1992 è l’anno d’inizio di una svolta musicale, più grintosa, che andrà a delinearsi successivamente; infatti già in Teatrino meccanico, prodotto da Maurizio Fabrizio, che include Voglio le tue mani (singolo del quale viene girato un video clip che preannuncia la partecipazione al Disco per l’Estate), si percepiscono le atmosfere e i suoni che prendono forma in Nella Fossa dei Leoni (1994) prodotto da Mauro Paoluzzi, nel quale sono inclusi Ombre sopra i muri e Caro amore mio (e il singolo Storia di un’altra storia)

Nel 1995 esce Fogli su Fogli, album unplugged, suonato e registrato in presa diretta con sessioni di brillanti musicisti tra cui, oltre alla storica band che accompagna Riccardo in tour (Roby Facini, Ugo Maria Manfredi, Pietro Cantarelli e Alessandro Ravasini), anche Massimo Luca, Vince Tempera e Claudio Pascoli, insieme con Giovanni Pezzoli e Andrea Fornili degli Stadio, e un quartetto d’archi. Nel disco trovano posto molti successi riarrangiati in chiave acustica e due inediti: Quando sei sola e Monica (Disco per l’Estate).

Nel 1996 è di nuovo a Sanremo con Romanzo, brano scritto da Maurizio Fabrizio e Guido Morra che da il titolo all’omonimo album.

Nel 1998 esce Ballando, un EP di sette canzoni, prodotto da Fabio Pianigiani e Marco Carmassi.  E, finalmente, nel 1999 la rivista specializzata Raro! pubblica in tiratura limitata (1.000 copie) la versione rimasterizzata in CD del concept album Matteo, registrato nel 1978.

Nel 2002 esce un doppio CD live Storie di Tutti i Giorni, registrato presso il Teatro Putrella di Lonigiano, nel dicembre 2001. Il live contiene ventiquattro canzoni che spaziano dai primi successi con i Pooh alle tappe principali della carriera solista di Riccardo. La band che lo accompagna in questo disco è composta da Sandro Ravasini (Batteria) Ugo Maria Manfredi (Basso) Roby Facini (Chitarra) e Luca Savazzi (Pianoforte e Tastiere)

Nel 2004 Riccardo partecipa al reality show Music Farm, di cui si aggiudica la vittoria nel maggio del 2004. A questo segue la pubblicazione di un CD, dal titolo Il Vincitore contenente le migliori interpretazioni realizzate nel programma di Rai2. Sempre del 2004 è la raccolta Storie…D’Amore che contiene quindici brani tra cui tre inediti Please Love, Tu non sei più mia, e La prima notte d’amore.

Nel 2005 esce Ci saranno giorni migliori, primo disco di inediti del nuovo millennio. Gran parte dei brani del disco sono scritti dal cantautore Gatto Panceri, Riccardo firma il testo di Profumo di lei. Si aggregano anche Dodi Battaglia, che firma le musiche e suona la chitarra in Amori belli, amori brutti e Fio Zanotti (arrangiatore anche dei Pooh) in Per te io canto. Viene estratto anche il singolo Non finisce qui. Con questo lavoro Riccardo si aggiudica il Premio Speciale ai Venice Music Awards.

Nel 2008 esce Riccardo Fogli Libro+Cd: si tratta di un cofanetto contenente un CD con alcuni estratti dal suo repertorio (Piccola Katy, Malinconia, Storie di tutti i giorni, Non finisce così, Quando sei sola) e un libro autobiografico in cui sono raccolti degli aneddoti della sua vita.

Nel 2013 partecipa al talent show Tale e quale show.

Nel 2015, dopo 42 anni di assenza, rientra nella formazione del complesso dei Pooh per il tour “Reunion” del 2016, organizzato per celebrare il cinquantesimo anno di attività del gruppo: oltre a suonare in tutte le date del tour, Riccardo incide con i Pooh delle nuove versioni a 5 voci di classici della band quali Pensiero, Noi due nel mondo e nell’anima, Chi fermerà la musica, Piccola Katy e Pierre, oltre ai 4 brani inediti presenti nel triplo cd/DVD live Pooh 50 – L’ultima notte insieme: Tante storie fa, Le cose che vorrei, Ancora una canzone e Traguardi.

Il 31 gennaio 2017, una volta conclusa l’esperienza “Reunion” con i Pooh, Riccardo pubblica per Sperling & Kupfer l’autobiografia Un uomo che ha vissuto – Storie di tutti i miei giorni.

DOWNLOAD NOW
PRESS PACK
PHOTOS - BIO

DISCOGRAFIA RECENTE

2016          ULTIMA NOTTE INSIEME (Pooh)

SONY MUSIC

2005         CI SARANNO GIORNI MIGLIORI

S.M.I. DUCK RECORDS

2004          IL VINCITORE

SIAE MF RAITRADE

2002          STORIE DI TUTTI I GIORNI LIVE

NAR INTL

1998          BALLANDO

BMG

1996          ROMANZO

FONIT CETRA

VIDEO